ER BRIDGE

Poesia in vernacolo. Frasi di uso comune nel gioco del Bridge che lasciano spazio ad equivoci e all’ironia. Poesia dedicata  all’amico Mauro Antonetti(mauropiadi.splinder.com), romano de Roma che come me adora e gioca a Bridge.

ER BRIDGE 

Er sor conte, ner fare l’assunzione
der nòvo maggiordomo, disse: "Esiggo
morta puntualità e discrezzione,
e sopra ‘ste dù cose nun transigo!

    Oggi, p’er brigge ciò delle invitate
    per cui alle cinque er thè voi servirete,
    alle cinque precise e, ricordate,
    discreto soprattutto voi sarete."

Ar contrario de tutte st’istruzzioni
er maggiordomo servì er thè alle sette!
Nun ve dico er rompimento de minchioni
der conte che l’avrebbe fatto a fette.

    Ma appena tutti quanni se n’annorno
    der ritardo cercò la spiegazzione.
    Er maggiordomo con faccia de corno
    disse: "L’ho fatto pe la discrezzione:

so’ venuto alle cinque, e dicevate,
rivorto alla marchesa de Belluno:
"’Na mano sotto nun ve la leva nessuno."
Che restavo a vedè che facevate?

    Tornai mezz’ora dopo, pe’ riprova,
    ma stavorta era proprio la marchesa
    che diceva: "Che palo lungo se ritrova!
    Così lungo è facile l’impresa"

E voi de rimanno risponnete:
"Beh, nun me lagno e certo nun è male,
ma l’apertura vostra che c’avete
è morto bella e servirà in finale".

    A sentì  ‘sto parlà, ognuno vede,
    che pe’ la discrezzione me n’agnede.
    Tornai pure alle sei, e, servognuno,
    dicevate alla marchesa de Belluno:

"Marchesa, ne abbian fatte solo quattro,
solo quattro senza arcuno sforzo,
n’antre quattro ce vonno de rinforzo
se noi volemo mantené ‘r contratto!"

      Penzai, senza bisogno d’arriflette,
    che se pe’ quattro c’è vorzuta un’ora
    pe’ n’antre quattro ce ne vòle ancora
    una, perciò venni alle sette.

Discreto e puntuale, voi vedete,
ch’io sarei quello che volete.
Se dovessi da fà quer che voi fate
su ‘sto punto, sor conte, ve sbajate,

    soprattutto che mentre annavo giù
    v’ho inteso dì: "E’ proprio ‘na disdetta,
    se nun ciavessi avuta tanta fretta
    n’avrei potuta fare n’antra in più".

A me ‘ste cose me pareno prodezze,
e m’arillegro si potete falle,
però che v’ho da dì, certe bassezze
sarebbe mejo de nun divurgalle!

    Ho inteso dì, sor conte ner salotto,
    da uno ad arta voce con fracasso:
    "So’ proprio io che v’ho messo sotto
    coprenno vostra donna cor mio Asso!"

Ho inteso pure n’a conversazzione
tra due per la loro preferenza:
ognuno n’accettava discussione,
un’era per l’Hattù, l’artro per Senza.

    E poi quello che dice a ‘na signora:
    "Me mancava ‘na mano e pe schizzà
    io de certo non ciò messo un’ora
    e con un fiore ve l’ho messo in man!"

Insomma, signor conte, sarà fino
parlà così a casa de ‘n signore,
forze me sbajerò, sarò in erore,
se parlava così dentro ar casino!

    Per cui ve lo dico con franchezza, 
    io fra otto giorni me ne vado:   
    ve prego de ‘n pijallo pe’ stranezza 
    s’alla morale io troppo ci abbado!"
 
Der Brigge amichi, io ve raccomanno
de stare attenti ‘n pò come parlate,
quanno che a brigge tra de voi giocate,
sennò li servitori se ne vanno!

Autore ?? sicuramente un giocatore di Bridge.

~Inserire immagini piccole. Il blog va fuori asse. Grazie.~

Annunci