Leggenda

Scilla e Cariddi

               

                Scilla

         

          Cariddi

SCILLA

Secondo la leggenda Scilla era una bellissima ninfa e di lei si era profondamente innamorato il dio marino Glauco che perciò respinse l’amore di Circe. La maga, offesa e indispettita, decise di vendicarsi mediante le sue magie: preparò uno strano succo a base di erbe misteriose, si recò presso la sorgente dove Scilla era solita bagnarsi e vi versò la terribile pozione. Non appena Scilla si bagnò, il suo corpo subì un’orrenda trasformazione: mentre la parte superiore rimase immutata, dalla parte inferiore comparvero sei feroci cani, ciascuno con una orrenda bocca fornita di tre file di denti appuntiti, che latravano in modo impressionante. Essi erano dotati di lunghissimi colli a forma di serpenti i quali afferravano gli esseri viventi a cui potevano arrivare e li divorava .  Diventata così mostruosa, Scilla andò a nascondersi presso lo stretto di Messina in un antro là dove la costa calabra si protende verso la Sicilia. Da lì seminava strage e terrore contro i naviganti che imprudentemente le passavano vicino. La leggenda racconta che, quando Eracle attraversava l’Italia con il bestiame di Gerione, Scilla divorò alcuni buoi e perciò l’eroe la uccise. Ma il dio Forco che era il padre di Scilla, con l’aiuto di alcuni incantesimi richiamò in vita il mostro.

CARIDDI

Tra le leggende più belle appartenenti al patrimonio culturale dell’antica Messina, la più nota è, senza dubbio, la leggende che ricorda l’esistenza del mostro Cariddi, mitica personificazione di un vortice formato dalle acque dello stretto di Messina. Cariddi, ninfa mitologica greca , figlia di Poseidone e di Gea (la terra) era tormentata da una grande voracità. Quando Eracle passò dallo stretto di Messina col l’armento di Gerione (un mostro o gigante fornito di tre teste e tre corpi uniti all’altezza della cintola), essa gli rubò alcuni buoi e li divorò. Per questo fu colpita dal fulmine di Giove, precipitata in mare e trasformata in un mostro. Il primo a raccontare questo mito fu Omero che lo descrisse in modo così perfetto da farlo sembrare credibile; spiegò anche che Cariddi si trova di fronte a Scilla. Omero racconta che il mostro ingoiava tre volte al giorno un ‘enorme quantità d’acqua e poi vomitava trattenendo tutti gli esseri viventi che vi trovava.

Anche Virgilio parla di Cariddi nel suo poema intitolato Eneide.

Dal libro "Santi, Banditi, Re, Fate e … Odori"

 
Rete Sicilia   
 

~Inserire immagini piccole. Il blog va fuori asse. Grazie.~

Amici, per favore, inserite immagini che non superino i 400 pixel, non riesco a entrare nel blog.

                         

Enrica scrive:

Appello!

                 

Giorgio Rumolo

"E’ scomparso martedì 11 novembre, ha 16 anni. Si chiama Giorgio Rumolo (FROG). Aiutaemi, passate parola. Forse andrà al concerto degli slip knot (milano, martedì prox), è una delle tante piste, se qualcuno ci va occhi aperti grazie, enri."
postato da raffapiccinni

Annunci