Osvaldo Pugliese

       http://www.youtube-nocookie.com/v/b5rEy_9VPWo?fs=1&hl=it_IT&color1=0x5d1719&color2=0xcd311b

    Breve storia di Osvaldo Pugliese con sottotitoli in italiano

Annunci

13 commenti

  1. E' sempre una gioia vederti, stellina di splinder! 🙂

              

  2. Ps: Non è un test… è una mini intervista, io faccio le domande, solo 5 e sempre le stesse (ho già pronta anche la mini intervista a Tamango), perché io devo restare in ombra, lo spazio è degli intervistati, e non volevo capitasse di fare a qualcuno domande più numerose e/o più appropiate/simpatiche ecc.
    E poi, mi piace notare come – con le stesse domande – si abbiano risposte e post molto diversi.

  3. Ho appena letto da me "Torna"… Ma io non ci sono mai veramente andata, Tumbergia. Su Fb sono risulto "iscritta e mai frequentante" 🙂 🙂

  4.  Dici davvero????
    Forse sono degli amici ex splinderiani che non si sono dimenticati di me.

  5. Carissima, ti lascio un affettuoso saluto…
    Ros

  6. Non lo conoscevo, ammetto la mia ignoranza e ti ringrazio di avermi aperto una nuova finestra nell'affascinante mondo del tango:-)

  7. Non ho potuto vedere il video per la mia connessione balorda, lo vedrò in seguito.
    Grazie per le bellissime immagini sul mio post e per la citazione del nonnino di S. Basilio morto a 107 anni.
    Baci da ronnie e vittoria!

  8. Il tango ha il potere di evocare le nostre più profonde emozioni di fonderle nella sua magica musica e di regalarci, anche se per breve periodo, quel mondo che ognuno ha in fondo al cuore di passioni autentiche e che la realtà frustra. Lode a Pugliese, gran maestro di quest'arte meravigliosa che apre le porte della parte migliore di noi alla nostra coscienza. Un abbraccio da Carmen, Pietro e Sally.    

  9. eheh immagino sia un mito per chi ama il tango

  10. Grazie carissima i tuoi commenti mi hanno illuminato il cuore

    Con questa pioggia ho un umore talmente basso…….

    Un bacio e buona serata

  11. "Mangia la meeeela… Tumbergita mangia la meeeeeeela…."

  12. Accanto a Pugliese, in più di cinquanta anni, suonarono innumerevoli eccellenti musicisti, alcuni indimenticabili: Osvaldo Ruggiero, bandoneonista principe, Enrique Camerano, primo violino per antonomasia, Emilio Balcarce, sommo arrangiatore e violinista, Aniceto Rossi, potentissimo contrabbassista. Per quanto fossero già musicisti di enorme talento, insieme al Maestro diventarono dei capiscuola, creatori di uno stile che segnò indelebilmente quasi tre decenni, fino cioè ai centrali anni ’60, anni in cui anche in Argentina cambiò tutto. Le oltre 600 orchestre di Buenos Aires sparirono frantumandosi in una miriade di piccoli gruppi economicamente meno impegnativi. Il Tango strumentale si trasformò per sempre sotto le spinte del Tango Nuevo capeggiato da Astor Piazzolla e Eduardo Rovira, quello ballato fu abbandonato in favore di altri ritmi di provenienza anglo-americana.
    Pugliese sopravvisse. Più dura fu la diserzione di quei suoi compagni che formarono il Sexteto Tango: lo lasciarono praticamente senza orchestra e con l’amarezza del tradimento subito. Non si parlarono per dodici anni, fino alla celebrazione del 75° compleanno del Maestro, al Luna Park di Buenos Aires di fronte a 10.000 persone.
    Osvaldo Pugliese fu celebrato nel 1985 anche al Teatro Colòn, ovvero la Scala argentina, in un memorabile concerto in cui gli riuscì di riunire in un’esaltante Yumba finale tutti i componenti della sua orchestra, compresi quelli che vi avevano militato anche solo per pochi mesi.
    Ma ciò che toccò il cuore di tutti, in quella serata, fu la commozione e l’orgoglio del vecchio Pugliese che ad ottanta anni era finalmente arrivato a portare la sua Orchestra, i suoi musicisti, la sua Musica del Popolo, proprio lì nel tempio della Grande Arte.
    Era il nobile Espartaco, finalmente in Paradiso.

    Grazie di avercelo fatto ricordare !!

    ♥ bacio vany


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...