I coniugi e il Bridge

                

ER BRIDGE CO’ MI’ MOJE

Quanno che gioco a Bridge co’ mi’ moje,
pe’ bene che và, je pijano le …doje.
Io cerco de gioca’ mejo che posso,
ma Lei me fissa e poi me zompa addosso!

        Si pe’ caso sbajo la dichiarizione,
        se fà pija’ dalla disperazione …
        e diventa ‘na berva inveperita
        perché nun ciò azzeccato co la licita.

Quanno giocamo… , er più delle vorte,
noi licitamo er Fiori forte
ma se quarcosa va pe’ storto,
avevo da licita’ er palo corto!!

        "Perché su’n Quadri nun hai detto Un Senza??…"
        "Tesoro mio, ma pell’accordo
        c’avemo preso in precedenza
        de dacce er negativo cor gradino…"

"Lo vedi che sei er solito cretino …
Si tu su’n Quadri m’arisponni Un Cuori,
come faccio a capì si c’hai le Fiori???"

      "T’ho detto Un Picche e tu me sei passato …"
      "Ma ciavevo du’ punti… ed ero pure abbilanciato…"
    "Ma co’ le carte mia, e co’ li maggiori,
    potevamio gioca’ mejo Du’ Cuori!!"

"’Sta mano qui, tanto pe’ di’, ciavevo sette Onori,
e su’n Picche mio avevi da di’ Du’ Cuori!"
"Ma ce n’avevo due sortanto , Amore mio,…"

    "Embè …, avevi da capi’ subbito ….
    ch’era ‘na psichica,
    e che le Cuori ce l’avevo in mano io
    e no …. quer fregnone de tu’ zio."

L’uscita è quella che me dà più pene ….
nun ce n’è una che je vada bene…
Se lagna si nun esco sotto Re….
perché Lei ciaveva solo l’Asso e un tre!

    Se lagna si nun esco de cartina…
    perché col Re al morto,
    Lei in mano cià l’Asso
    … e puro la Regina!!

Scote la testa ….e dice che come sempre sbajo
se nell’uscita nun ‘jazzecco un tajo!!
Se l’avversario fà ‘na presa in più….
la corpa è mia…. avevo da usci’ in atù!!

      S’invece la mannamo due de sotto … chi ha sbajato??
      So’ sempre io… perché nun l’ho Contrato!
      Quanno gioch’io, cià sempre da ridi’…
      anco se poi er contratto è quello li!

"Si battevi in testa coll’atù…
potevi puro fa’ ‘na presa in più."
"Si la lunga de Quadri allibberavi …
‘na presa in meno all’avversario davi!"

      S’invece gioca Lei e va ‘na sotto …
      c’è rischi che succeda er quarant’otto …
      o er contratto c’ho chiuso io era sbajato,
      oppure nell’artri tavoli hanno regalato!

P’evita’ d’usci’ fora de mente,
ce vorrebbe un sistema più efficiente …
ma l’unico sistema senza fallo …
è quello della sfera de Cristallo.

Autore? certamente un giocatore!

~Inserire immagini piccole. Il blog va fuori asse. Grazie.~

                      

 

Annunci

Quattro smazzate in casa… 1 maggio

     

Da mettere sul tavolo accanto al compagno.

LA LEGGE DI MURPHY
applicata al Bridge
 
Se un impasse può non riuscire, lo farà.

1° COROLLARIO: Le uniche impasse destinate al successo sono quelle inutili.

2° COROLLARIO: Se una sola distribuzione può farvi affossare il contratto, di sicuro troverete le carte messe in quella maniera.

3° COROLLARIO: Gli avversari sbagliano a giocare solo quando ciò è ininfluente.

4° COROLLARIO: Ogni vostra benché minima imperfezione di gioco avrà conseguenze catastrofiche.

5° COROLLARIO: Quando finalmente avrete trovato un compagno affidabile, egli verrà subito trasferito in altra città.

6° COROLLARIO: Un 3 cade sempre coperto, un Asso sempre scoperto.

LA PRIMA LEGGE DEL BRIDGE: È sempre colpa del partner.

LA SECONDA LEGGE DEL BRIDGE: Se lasciate rigiocare una carta all’avversario che si era sbagliato, riuscirà a battere un contratto sicuro al 99,99% o a mantenere uno SLAM allo 0,01%.

LA TERZA LEGGE DEL BRIDGE: L’unica mano interessante di una serata sarà annullata perché preparata dalla coppia che ha riposato per prima.

L’ASSIOMA DI STAYMAN: Se chiamate 3 S.A., l’unico contratto possibile era 4 cuori; se chiamate 4 cuori si faranno solo 3 S.A.

1° COROLLARIO: L’interrogativa STAYMAN servirà sempre ai difensori per individuare l’attacco vincente.

L’ASSIOMA DI MESSIEUR DE LA PALLICE: La Dama sta sempre sopra il Fante tranne quando sta sotto.
 

~Inserire immagini piccole. Il blog va fuori asse. Grazie.~

ER BRIDGE

Poesia in vernacolo. Frasi di uso comune nel gioco del Bridge che lasciano spazio ad equivoci e all’ironia. Poesia dedicata  all’amico Mauro Antonetti(mauropiadi.splinder.com), romano de Roma che come me adora e gioca a Bridge.

ER BRIDGE 

Er sor conte, ner fare l’assunzione
der nòvo maggiordomo, disse: "Esiggo
morta puntualità e discrezzione,
e sopra ‘ste dù cose nun transigo!

    Oggi, p’er brigge ciò delle invitate
    per cui alle cinque er thè voi servirete,
    alle cinque precise e, ricordate,
    discreto soprattutto voi sarete."

Ar contrario de tutte st’istruzzioni
er maggiordomo servì er thè alle sette!
Nun ve dico er rompimento de minchioni
der conte che l’avrebbe fatto a fette.

    Ma appena tutti quanni se n’annorno
    der ritardo cercò la spiegazzione.
    Er maggiordomo con faccia de corno
    disse: "L’ho fatto pe la discrezzione:

so’ venuto alle cinque, e dicevate,
rivorto alla marchesa de Belluno:
"’Na mano sotto nun ve la leva nessuno."
Che restavo a vedè che facevate?

    Tornai mezz’ora dopo, pe’ riprova,
    ma stavorta era proprio la marchesa
    che diceva: "Che palo lungo se ritrova!
    Così lungo è facile l’impresa"

E voi de rimanno risponnete:
"Beh, nun me lagno e certo nun è male,
ma l’apertura vostra che c’avete
è morto bella e servirà in finale".

    A sentì  ‘sto parlà, ognuno vede,
    che pe’ la discrezzione me n’agnede.
    Tornai pure alle sei, e, servognuno,
    dicevate alla marchesa de Belluno:

"Marchesa, ne abbian fatte solo quattro,
solo quattro senza arcuno sforzo,
n’antre quattro ce vonno de rinforzo
se noi volemo mantené ‘r contratto!"

      Penzai, senza bisogno d’arriflette,
    che se pe’ quattro c’è vorzuta un’ora
    pe’ n’antre quattro ce ne vòle ancora
    una, perciò venni alle sette.

Discreto e puntuale, voi vedete,
ch’io sarei quello che volete.
Se dovessi da fà quer che voi fate
su ‘sto punto, sor conte, ve sbajate,

    soprattutto che mentre annavo giù
    v’ho inteso dì: "E’ proprio ‘na disdetta,
    se nun ciavessi avuta tanta fretta
    n’avrei potuta fare n’antra in più".

A me ‘ste cose me pareno prodezze,
e m’arillegro si potete falle,
però che v’ho da dì, certe bassezze
sarebbe mejo de nun divurgalle!

    Ho inteso dì, sor conte ner salotto,
    da uno ad arta voce con fracasso:
    "So’ proprio io che v’ho messo sotto
    coprenno vostra donna cor mio Asso!"

Ho inteso pure n’a conversazzione
tra due per la loro preferenza:
ognuno n’accettava discussione,
un’era per l’Hattù, l’artro per Senza.

    E poi quello che dice a ‘na signora:
    "Me mancava ‘na mano e pe schizzà
    io de certo non ciò messo un’ora
    e con un fiore ve l’ho messo in man!"

Insomma, signor conte, sarà fino
parlà così a casa de ‘n signore,
forze me sbajerò, sarò in erore,
se parlava così dentro ar casino!

    Per cui ve lo dico con franchezza, 
    io fra otto giorni me ne vado:   
    ve prego de ‘n pijallo pe’ stranezza 
    s’alla morale io troppo ci abbado!"
 
Der Brigge amichi, io ve raccomanno
de stare attenti ‘n pò come parlate,
quanno che a brigge tra de voi giocate,
sennò li servitori se ne vanno!

Autore ?? sicuramente un giocatore di Bridge.

~Inserire immagini piccole. Il blog va fuori asse. Grazie.~

TORNEO……

Eccomi, bridge! Sabato 29 luglio 2006 torneo al circolo del Tennis e della Vela. Torneo organizzato dall’abile Rina, i suoi tornei sono spettacolari con raro numero di presenze: gli amici di Catania,gli amici di Reggio, appassionati giocatori in vacanza,etc. Io preferisco giocare con l’uomo, sia per la categoria "coppia mista" e per il ruolo che l’uomo ricopre a questo gioco: ha più attitudine della donna anche a parità di livello. Un brusio… chi è il maestro di Bridge al tennis e vela? Paolo Mondio! Il bravo Paolo con i suoi Idiomi:"o cambi gioco o cambi compagno". Si continuerà con la cena,la premiazione, e il mio BRIDGE scommessa: prima coppia "LOTETAx2" – a pari merito con Mondio o con Failla di Catania. C’è Pia che si porta le coppe alte quanto lei: adesso basta PIA! Arrivederci al dopo torneo…                                            

     

 

….IL BRIDGE….

PER GLI APPASSIONATI DI QUESTO SPORT E PER COLORO CHE SI APPASSIONERANNO…ECCOMI, con un pieghevole che il CONI e la FIGB hanno distribuito tempo fa.                                                                            

VORRESTI FERMARE IL TEMPO?LO PUOI RALLENTARE… MANTENENDO LA MENTE ATTIVA.IL BRIDGE la più bella,la più affascinante disciplina sportiva,il vero sport della mente,olimpiadi,campionati del mondo,campionati europei,campionati nazionali,decine di milioni di praticanti nel mondo che usano le stesse regole,lo stesso spirito competitivo,lo stesso linguaggio.ABILITA’ intuito,pronteza di riflessi,rapidità di deduzione,di analisi e di sintesi,capacità di affrontare situazioni difficili che si presentano in maniera sempre nuova ed imprevedibile.UNO SPORT CHE AIUTA A MANTENERSI ATTIVI E AD ESSERE PIU’MATURI E RIFLESSIVI.FAVORISCE LE CAPACITA’DI ORGANIZZAZIONE MENTALE,AUMENTA LE CAPACITA’ DI ATTENZIONE.E’UN RICOSTITUENTE PER IL CERVELLO-RALLENTA,COMUNQUE L’INVECCHIAMENTO.   

        

 

 

  • Calendario

    • agosto: 2019
      L M M G V S D
      « Dic    
       1234
      567891011
      12131415161718
      19202122232425
      262728293031  
  • Cerca