Osvaldo Pugliese

       http://www.youtube-nocookie.com/v/b5rEy_9VPWo?fs=1&hl=it_IT&color1=0x5d1719&color2=0xcd311b

    Breve storia di Osvaldo Pugliese con sottotitoli in italiano

Annunci

Osvaldo Zotto

Grave perdita nel mondo del Tango Argentino:  Il 9 gennaio 2010 è scomparso Osvaldo Zotto, grande maestro di Tango. Ci mancherà  il suo grande talento e il suo profondo senso di umanità. 
Nel mese di novembre Osvaldo Zotto aveva tenuto un corso di tango argentino a Messina (Hasta La Milonga – Magazzini Del Sale)
  

 

        Tango "Gallo Ciego" by Osvaldo Zotto and Lorena Ercimoda

 

      Osvaldo Zotto al Salone Margherita di Napoli

                  

           Una Rosa per il grande maestro Osvaldo Zotto

Dedicata al Tango

          
Un grazie particolare al  Milonguero, amico e maestro di tango argentino.

Lasciami ballare fino alla fine dell’amore

from “Various Positions”, by Leonard Cohen – traduzione e adattamento di Giuseppe Iannozzi

Lasciami ballare fino alla tua bellezza
con un violino infuocato
Lasciami ballare oltre il panico
finché non sarò raccolto tutto d’un pezzo
Sollevami come un ramo d’ulivo
e sii la mia colomba verso casa
Lasciami ballare fino alla fine dell’amore

Lasciami vedere la tua bellezza
quando i testimoni se ne saranno andati
Lasciami sentire che ti muovi
come fanno a Babilonia
Mostrami lentamente ciò di cui io solo
conosco i limiti
Lasciami ballare fino alla fine dell’amore

Ora lasciami ballare fino alle nozze
lasciami ballare ancora e ancora
Lasciami ballare molto teneramente e
lasciami ballare a lungo
Siamo entrambi al di sotto del nostro amore
siamo entrambi al di sopra
Lasciami ballare fino alla fine dell’amore

Fammi ballare fino ai bambini
che chiedono di venire al mondo
Fammi ballare oltre le cortine
che i nostri baci hanno consumato
Adesso tiriamo su una tenda per riparo
anche se ogni filo è strappato
Lasciami ballare fino alla fine dell’amore

Lasciami ballare fino alla tua bellezza
con un violino infuocato
Lasciami ballare oltre il panico
finché non verrò raccolto tutto d’un pezzo
Toccami con la tua nuda mano
o toccami col guanto
Lasciami ballare fino alla fine dell’amore

Per piacere, inserite immagini inferiori a 400 pixel, altrimenti il blog va fuori asse. grazie.
 

tango satira

Tango Teatro

      

Marcelo Guardiola e Giorgia Marchiori

(per un perfetto audio del video, mettere stop sul bottone del player)

Divertente tango-satira esibito da  Marcelo Guardiola e Giorgia Marchiori, bravi artisti di Tango-Teatro. Brillante parodia su chi si crede esperto di tango Argentino e che non ha più nulla da imparare, persone che capita spesso di incontrare nelle frequentate milonghe,  addirittura dopo pochi mesi di corso… si ergono a maestri spiegando passi e figure. ("intenti quasi sempre falliti!") Dimostrando  di essere profondamente maldestri a discapito del malcapitato. Attenzione, dunque!  Potrebbe scaturire un minuetto di calci e strattoni con la conseguenza di lividi doloranti.

~Inserire immagini piccole. Il blog va fuori asse. Grazie.~

Amici, per favore, inserite immagini che non superino i 400 pixel, non riesco a entrare nel blog.

                                    Photobucket

primo post 2009

              

Miguel Angel Zotto and Daiana Guspero
in COMPANIA TANGO X2’s
“Miguel Angel Zotto’s Buenos Aires Tango”
Photo Courtesy of Carlos Sequier

Il mio primo post del 2009 è dedicato al Tango Argentino con 2 video di Miguel Angel Zotto reduce dal recente successo di pubblico riscontrato nel suo spettacolo di fine anno a Milano. Il tango secondo Miguel Angel Zotto:
«Ci si conosce attraverso l’abbraccio»
«Il tango non è maschio, è coppia: cinquanta per cento uomo e cinquanta donna, anche se il passo più importante, l’ "otto", che è come il cuore del tango, lo fa la donna. Nessuna danza popolare raggiunge lo stesso livello di comunicazione tra i corpi: emozione, energia, respirazione, abbraccio, palpitazione. Un circolo virtuoso che consente poi l’improvvisazione». Miguel Angel Zotto.

                Zotto & Plebs

               Miguelangel Zotto y Daiana Guspero

~Inserire immagini piccole. Il blog va fuori asse. Grazie.~

Amici, per favore, inserite immagini che non superino i 400 pixel, non riesco a entrare nel blog.

                                    Photobucket

Tango e Amicizia

                  

      

Lago Maggiore

Lago Maggiore
Piemonte – Belgirate (VB)

‘’Benessere e TAnGO ‘’
Festival di Tango Argentino e Vacanza olistica dedicata all’Amicizia e al Piacere di vivere..

5 – 8 Dicembre 2008

Ponte dell’Immacolata

INFORMAZIONI GENERALI

Gli arrivi sono previste nella giornata del Venerdì e le partenze il Lunedì .
La quota di partecipazione comprende la mezza pensione (dormire, colazione, cene bevande incluse), le serate in milonga e i corsi di Tango Argentino con i maestri e ballerini  :

Yanina Meisinger  y Rojer Zalazar
 
Sergio Natario y Alejandra Arruè

Le lezioni di ‘’ Tango e Movimento Creativo ‘’ con

Patrizia Macagno

         

Lago maggiore

Complimenti agli organizzatori  di Tango-Vacanze per gli splendidi programmi che ci ropongono. Grazie!

~Inserire immagini piccole. Il blog va fuori asse. Grazie.~

Amici, per favore, inserite immagini che non superino i 400 pixel, non riesco a entrare nel blog.

                                              

IL PALAZZO

    

    Lo splendido acquerello è di Titti grazie, cara!

IL PALAZZO
 
II Palazzo non è infinito.
I muri, i terrapieni, i giardini, i labirinti, le scalinate, i bal-
coni, le balaustre, le porte, le gallerie, i cortili circolari o ret-
tangolari, i chiostri, gli incroci, i pozzi, le anticamere, le ca-
mere, le alcove, le biblioteche, le soffitte, le prigioni, le cel-
le senza uscita e gli ipogei non sono meno numerosi dei
granelli di sabbia del Gange, ma il loro numero è finito. Dai
tetti a terrazza, verso occidente, c’è chi riesce a vedere le fu-
cine, le falegnamerie, le scuderie, gli arsenali e le capanne
degli schiavi.
A nessuno è dato percorrere se non una parte infinitesi-
male del palazzo. Qualcuno conosce solo le cantine. Possia-
mo percepire alcuni volti, alcune voci, alcune parole,
ma ciò che percepiamo è infimo. Infimo e meraviglioso insie-
me. La data che l’acciaio incide nella lapide e che i libri par-
rocchiali registrano è posteriore alla nostra morte;
siamo già morti quando non ci tocca più nulla, né una parola,
né un desiderio, né un ricordo. Io so che non sono morto.
 

Jorge luis Borges

~Inserire immagini piccole. Il blog va fuori asse. Grazie.~

Amici, per favore, inserite immagini che non superino i 400 pixel, non riesco a entrare nel blog.